BREAKING NEWS
Home / in evidenza / Ecobonus, il 2016 conferma la tendenza a riqualificare
Ecobonus, il 2016 conferma la tendenza a riqualificare

Ecobonus, il 2016 conferma la tendenza a riqualificare

Dovete ancora approfittare dell’ecobonus?

Secondo un’indagine coordinata dal Servizio Studi della Camera dei Deputati e dell’istituto di ricerca CRESME, dal 1998 al 2016 circa il 55% delle famiglie italiane ha richiesto detrazioni per interventi di riqualificazione energetica degli edifici o credito d’imposta per lavori di ristrutturazione semplice, per un totale di oltre 14,2 milioni di interventi sostenuti e 237 miliardi di euro di investimenti.

Di riflesso, l’interesse dei privati per l’ecobonus ha rappresentato anche una leva per l’incremento dell’occupazione: tra il 2011 e il 2016 sono stati creati 1.460.223 posti di lavoro, corrispondenti a una media annua nel periodo di oltre 243.000 occupati.

Le statistiche definitive per l’anno 2015 parlano di oltre 25 miliardi di euro di investimenti, di cui 3 miliardi relativi alla riqualificazione energetica e 22 miliardi per il recupero edilizio.

Risultati più bassi rispetto al 2014 – 28,5 miliardi di euro, attualmente l’annus mirabilis per gli investimenti registrati dal 1998 – ma che confermano ugualmente la bontà delle agevolazioni proposte e l’interesse constante per l’ecobonus.

Il dato più interessante però riguardo proprio l’anno in corso. Le proiezioni per il 2016, se verranno confermate nei risultati, parlano di un anno da record:

  • oltre 29 miliardi di euro di investimenti al 31 dicembre;
  • 1,7 milioni di domande attese.

tabella-CRESME-ecobonus

Nello specifico, le riqualificazioni energetiche sembrano rappresentare un vero e proprio volano per tutta l’edilizia, settore che soffre ancora i postumi degli anni più duri della crisi. Sempre secondo il CRESME, se nel 2006 la spesa in interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria ammontava al 55% del valore della produzione dell’intero settore delle costruzioni, nel 2015 la spesa ha coperto il 72% del comparto.

 

NON VUOI PERDERE GLI AGGIORNAMENTI
IN MATERIA DI ECOBONUS?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Comments

comments

About La Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>